Chiudi il popup



ricerca avanzata

COS’è L’HENNE?


L'henné originario deriva dalle polveri dalla Lawsonia inermis; oggi, il termine henné, viene attribuito anche ad altre piante, come l'indigofera (henné nero) e la cassia (henné neutro). In realtà sarebbe più corretto riferire il termine henné solo alla polvere ottenuta dall'essiccazione e dallo sminuzzamento delle foglie della Lawsonia. Questa pianta è originaria delle regioni calde subtropicali, dell'Africa del nord e centro orientale, dell'Asia minore, dell'Iran e dell' India occidentale. Essa prende il nome da John Lawson che, nel 1709 la descrisse in modo dettagliato. Inermis è invece riferito al fatto che la pianta non presenta spine. Un sinonimo è il termine “Alba”, dovuto invece ai suoi fiori di color bianco crema, dal delicato profumo. Utilizzando l'henné si otterranno dei riflessi ramati che varieranno a seconda del colore di partenza dei capelli. Mentre su quelli chiari il risultato potrebbe essere un rosso ramato molto intenso, sui capelli scuri si ottiene solitamente un bellissimo riflesso rosso visibile soprattutto alla luce del sole. L'henné però non ha solo il merito di conferire lucidità alla chioma: è infatti anche sebo-normalizzante ed è un ottimo antiforfora. Il suo uso costante rende quindi i capelli più corposi e lucidi. 
 

vedi alcuni esempi